Arte&Architettura,  Attualità,  Esperienze,  Mostra

Un tour tra zolfare e fede

Avete mai pensato di fare un tour tra zolfare e fede?

Sì, un vero e proprio tour che ripercorre la strada, lo stato d’animo, la vita, la fede degli zolfatai.

Ve ne consiglio uno che si potrebbe organizzare nel centro Sicilia, proprio a Caltanissetta.

Agli inizi del XX secolo, infatti, Caltanissetta fu nominata Capitale mondiale dello zolfo grazie alle numerose miniere estrattive che vedevano impiegati decine di migliaia di zolfatari. Nonostante la chiesa non reputasse questi lavoratori degni di partecipare alla vita religiosa – definiti vicini fisicamente a Satana, per via del loro impiego nel sottosuolo – la fede li spinse comunque a manifestare la propria devozione tramite la realizzazione di opere processionali e cappelle votive sparse nel percorso che dalla città conduceva alle miniere. Fu proprio a seguito di una tragedia mineraria che le manifestazioni che animavano il giovedì santo di Caltanissetta videro un definitivo rilancio. Infatti, cinque delle sedici vare che prendono ancora oggi parte alla secolare processione furono realizzate sotto commissione degli zolfatari di quattro miniere nissene. I minatori, durante il tragitto per la miniera, inoltre, erano soliti fermarsi davanti alle edicole votive, per pregare, quasi come se fosse un percorso di preghiera parallelo che li accompagnava verso la fatica e il costante pericolo, una delle quali utilizzata per celebrare i funerali dei minatori deceduti in cantiere fino allo sciopero e relativa riforma che gli permise di entrare in chiesa. A documentare minuziosamente la vita degli zolfatari vi è l’opera del siciliano L. Pirandello Ciaula scopre la luna, che narra proprio delle emozioni che provò  un caruso (bambino costretto a lavorare in miniera) nel vedere la luna a seguito di una notte di lavoro tra le discenderie delle miniere.

Dopo questa breve premessa sulla storia delle miniere di Caltanissetta, entriamo nel vivo del tour.

Il tour potrebbe svolgersi in due giorni e dislocarsi tra il percorso che conduceva alle miniere e alcuni siti d’interesse legati al mondo minerario.


Sabato:

ore 15.30 incontro presso l’ingresso del Museo della miniera Trabia – Tallarita di Riesi (biglietto singolo intero:  4,00 € – biglietto singolo ridotto:  2,00 €);

ore 18.00 visita al Parco didattico e scientifico di Montedoro (l’intero pacchetto comprendente le Case Museo, il Museo della Zolfara, il Planetario, e  l’Osservatorio astronomico, in visita serale / notturna 12,00 €);

 

Domenica:

ore 11.00 incontro in via Xiboli ed inizio del percorso minerario alla scoperta delle quattro cappelluzze votive;

ore 12.00 visita al cimitero dei Carusi sito vicino la Miniera Gessolungo;

ore 12.30 lettura di alcuni versi di Ciaula scopre la luna presso il Cimitero dei Carusi;

ore 13.00 pranzo tematico presso Agriturismo locale (menù fisso: 25,00 €)

ore 17.00 visita al Museo Mineralogico, Paleontologico e della zolfara Sebastiano Mottura;

ore 18.30 visita alla Sala espositiva Gruppi Sacri “Vare”;

ore 19.00 conclusione del tour.


Un tour intenso, ricco, intenso.

Un tour per riflettere, pensare, studiare, imparare, studiare, capire, scoprire.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!